Ascolta Radio Stella

Advertisement

CB - LOGIN

Tutto sulla Patata

Scelta delle patate
Ricettario
Ristorante Costa
banner ZL
Sirio Materassi
Museo Tibaldo
 
 
Advertisement
Advertisement
 
 

Visite al sito

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi405
mod_vvisit_counterIeri1013
mod_vvisit_counterQuesta settimana5084
mod_vvisit_counterQuesto mese13805
mod_vvisit_counterTutti2196969

Iniziativa "Filiera Corta" e "Km 0" PDF Stampa
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 

        

 

Iniziativa “filiera corta” e “Km 0”

 

 

Km0.jpg                menu_km0.jpg

  Già dalla prima edizione della Festa del Gnocco nel 2005, una delle iniziative contenute nella manifestazione era la mostra-mercato dei prodotti tipici, organizzata dalla Comunità Montana Agno-Chiampo.
In questa mostra ogni coltivatore diretto poteva mettere in vendita i suoi prodotti agricoli senza intermediazione creando un rapporto diretto produttore-consumatore.

Questo è il classico esempio di “filiera corta” che ha come vantaggi:
• Aumento del reddito del coltivatore perché vende i beni al dettaglio e non all’ingrosso e quindi è un incentivo ad aumentare la superficie coltivata.
• Risparmio da parte dell’acquirente perché non paga l’intermediazione.
• Garanzia della provenienza dei prodotti e quindi della sua qualità e genuinità.
• Riscoperta dei sapori tipici e caserecci.
• Assenza o bassissima presenza di lavorazioni industriali per la trasformazione e l’imballaggio dei prodotti.

   

A questi vantaggi si aggiungono quelli ambientali da un lato, visto che i beni sono prodotti e venduti in loco senza dover essere trasporti consumando idrocarburi e inquinando l’atmosfera, in termini di risparmio dall’altro, visto che così facendo le merci agricole non dipendono dal costo del trasporto e quindi dal petrolio.
Nel Forum Internazionale dell’Energia organizzato dalla Coldiretti in collaborazione con lo studio Ambrosetti, è emerso che a livello globale, un pasto percorra quasi 2000 Km prima di essere consumato.
Con l’aumento incessante del prezzo del greggio e visto che in Italia l’86% del trasporto è su gomma, la Coldiretti prevede per il 2008 una aumento di circa 467 € che le famiglie italiane dovranno sostenere per l’alimentazione.
Questo anche perché sono cambiate le abitudini alimentari, e la gente ora compra frutta e verdura fuori stagione aumentando così la dipendenza alimentare da paesi lontani da noi.
Più chilometri corrisponde a più petrolio e a più emissioni di CO2. Nella tabella sono riportati i principali prodotti “consuma petrolio”.


TOP TEN DEI CIBI CHE SPRECANO ENERGIA ED INQUINANO     

  Prodotti Provenienza  Distanza (Km) Emissioni CO2 (Kg) Consumo Petrolio (Kg)
1 VINO AUSTRALIA 16015 29,3 9,4
2 PRUGNE CILE 11970 22,0 7,1
3 CARNE ARGENTINA 11180 20,8 6,7
4 MANGO PERU' 10865 20,2 6,5
5 ANGURIA PANAMA 9516 17,8 5,7
6 CARNE BRASILE 9175 17,2 5,5
7 AGLIO CINA 9161 17,2 5,5
8 UVA DA TAVOLA SUD AFRICA 8470 15,9 5,1
9  MELONE GUADALUPE 7750 14,5 4,7
10 RISO USA 6887 13,1 4,2

Fonte: Elaborazioni Coldiretti (*) calcoli effettuati sulla base del trasporto aereo
 

Nell’iniziativa “Km 0” si propone di acquistare alimenti di stagione e direttamente dagli agricoltori che così facendo portano ogni famiglia, ad un risparmio medio della spesa alimentare del 30% e a ridurre le emissioni in atmosfera fino a 1.000 chilogrammi/anno di CO2.
Inoltre, sempre grazie alla mobilitazione della Coldiretti nel 2008 è entrato in vigore il decreto (Gazzetta Ufficiale n.301 del 29 dicembre 2007) che rende possibile in tutti i Comuni di avviare mercati gestiti dagli agricoltori. Tali mercati possono essere localizzati anche in zone centrali e avere una frequenza giornaliera, settimanale o mensile a seconda delle esigenze locali.  L’obbiettivo, sempre secondo la Coldiretti è di aprire almeno un “farmers market” in ogni città, in modo che la gente possa avere la possibilità di consumare i prodotti della propria terra.
 

Per trovare le aziende agricole che vendono direttamente i loro prodotti a Selva o nelle colline della vallata dell’Agno, basta ciccare sull’elenco “produttori e coltivatori” nel lato sinistro di questo sito.
Invece, per scoprire i prodotti a più ampio raggio, la Coldiretti ha istituito il sito www.campagnamica.it con il motore di ricerca “In viaggio per Fattorie e Cantine” dove è possibile individuare per comune, provincia o regione la più ampia gamma di aziende agricole che vendono direttamente selezionando anche le categorie di prodotto desiderate ed eventualmente anche le specialità garantite da marchio.
E' on line anche l'elenco delle centinaia di distributori automatici di latte fresco presenti in Italia dove si risparmia il 40 per cento rispetto ai normali negozi e supermercati.


(Tabella dati, informazioni e immagini, tratte da www.coldiretti.it)


Vai al sito www.coldiretti.it
Vai al sito www.campagnamica.it
Vai al sito www.agricolturaitalianaonline.gov.it

Scarica l’elenco dei distributori automatici di latte fresco www.coldiretti.it/Distributori%20latte%20Coldiretti.pdf

 

15/5/2008

Diego Pellizzaro

Ultimo aggiornamento ( martedì 13 agosto 2013 )
 

Copyright ©2019 FestaDelGnocco.it – All Rights Reserved
+ Improve Your Business
Regione del Veneto
Logo Provincia di  			Vicenza
Logo Comune di  			Trissino
Logo Pro Loco di  			Trissino
Logo Coldiretti
Logo Confederazione Italiana  			Coltivatori

Con il Patrocinio dell'Accademia Italiana della Cucina

-:-

Descrizione: E' un progetto dedicato alla cultura del cibo e alla nostra terra per condividerne arte e cultura, informazioni su locali di tendenza e tradizione.
Eventi e 
			Manifestazioni su www.GiraItalia.it
Segnalato su Vicenza.com
   
Questo sito usa i Cookies. Proseguendo nella navigazione o utilizzando i servizi di questo sito, si presta il consenso all’uso dei cookies. Leggi anche le nostre Privacy Policy